Marchetti

soggetto conservatore
Cori Lt

Descrizione

1375 - sec. XIXLa famiglia Marchetti, di origine romana, si stabilì in Cori ed ottenne la nobiltà di Anagni e quella di Cori, esprimendo personaggi che ricoprirono cariche civili ed ecclesiastiche di rilievo, soprattutto a livello locale, tra cui si segnalano Francesco Antonio, protonotario apostolico dal 1712 e Vincenzo, religioso e studioso di storia locale che fornì notizie su Cori al Moroni per il suo Dizionario.Il fondo Marchetti, compreso nell'archivio Marchetti Caucci Molara dichiarato di notevole interesse storico il 6.4.1989, è costituito da 30 pergamene (1375-sec. XIX med.), alcuni registri e circa 5 m.l. -fasci e carte sciolte- di documentazione (secc. XVIII-XIX). La documentazione, tra cui registri relativi all'azienda agraria, scritture legali e autentiche di reliquie, costituisce una piccola parte dell'archivio originario, la cui consistenza -stando ad un "Indice della rubricella dell'archivo Marchetti" compilato nel 1796- era di oltre 500 pezzi.L'archivio Marchetti Caucci Molara comprende anche documentazione appartenente alla famiglia Caucci Molara (cfr.)

Bibliografia

V: SPRETI, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano, 1928-1935 (rist. anast., Bologna, Forni, 1969)

Note

Per la consultazione rivolgersi alla Soprintendenza Archivistica per il Lazio DOMMARCO