Ambrosi De Magistris

soggetto conservatore
Anagni

Descrizione

1660-1900La famiglia anagnina Ambrosi De Magistris, ricordata in documenti sin dai secoli XIII e XIV, è stata sempre presente nella storia cittadina grazie anche al fatto di essere tra le più benestanti della città. Originaria di Roma, ottenne l'ascrizione alla nobiltà anagnina nel 1816. Ricordiamo, tra i membri della famiglia: Filippo, gonfaloniere della città all'inizio del sec. XVIII; Alessandro De Magistris, protonotaro apostolico e canonico teologo nonché storico cittadino, vissuto nella prima metà del sec. XVIII; Giovanni Ambrosi, che rivestì a lungo, nel sec. XIX, la carica di segretario comunale; Raffaele Ambrosi De Magistris, storico cittadino (1831-1900), autore di una Storia di Anagni rimasta incompleta e pubblicata in due volumi nel 1889.L'archivio, dichiarato di notevole interesse storico il 4.6.1969 e il 6.10.1993, è costituito da 28 pezzi, in gran parte del sec. XIX: corrispondenza, conti, scritture legali, istrumenti, relativi per lo più a Giovanni e Ludovico Ambrosi. Vi sono inoltre alcuni documenti del sec. XVIII, relativi ad Alessandro De Magistris (prediche, orazioni, scritti vari), ed un volume di contratti dal 1660 al 1717.Palazzo di Bonifacio VIII

Bibliografia

V: SPRETI, Enciclopedia storico-nobiliare italiana, Milano, 1928-1935 (rist. anast., Bologna, Forni, 1969)

Note

Elenco compilato dalla Soprintendenza Archivistica per il Lazio (1993) DOMMARCO