Gaetano Minnucci

Dichiarazione
8 maggio 1987
Soggetto conservatore
Archivio Centrale dello Stato, Roma (deposito 1992)
Stato di ordinamento
riordinato (inventario sommario, inventario della documentazione grafica a cura di F. Lorello)
Stato di conservazione
buono

Descrizione

Gaetano Minnucci (Macerata 1896 – Roma 1980),ingegnere, urbanista e docente universitario. Laureatosi nel1920 alla Regia scuola di applicazione per gli ingegneri, siimpone ben presto come uno dei protagonisti del dibattitoculturale sull’architettura moderna in Italia. Dai suoi viagginel nord Europa, dove si reca spinto da un forte interesseper il mutamento dell’architettura rispetto alla tradizione e lasensibile evoluzione del settore tecnologico, Minnucciimporta le nozioni e le conoscenze teoriche che, tra il 1926ed il 1931, segnano in modo determinante il corso dellavicenda architettonica italiana. Nel 1926 conosce AdalbertoLibera e con lui lavora alla formazione del M.I.A.R.,Movimento italiano per l’architettura razionale ed insiemeorganizzano, nel 1928, la I Esposizione italiana diarchitettura razionale. Parallelamente, il vivo interesse per ladisciplina urbanistica, lo porta a collaborare con LuigiPicconato ed a dare vita, nel 1927, al Gruppo UrbanistiRomani.Negli anni ‘30 la sua attività professionale è segnata dallarealizzazione di grandi opere per il regime: i progetti in arearomana per l’Opera Nazionale Balilla e la Gioventù Italianadel Littorio tra il 1933 ed il 1935; l’Accademia Navale diBrindisi nel 1934 e infine, nel 1937, la partecipazione algrande cantiere dell’E 42.Presso questo Ente, costituito per organizzare l’Esposizioneuniversale del 1942, ricopre un ruolo di primo piano in qualitàdi responsabile della direzione del Servizio architetturaparchi e giardini, ufficio deputato a seguire la progettazione ecostruzione dei fabbricati per il quartiere espositivo.Nell’ambito di questo incarico progetta: il Palazzo degli Uffici(1937-39).Della fase postbellica ricordiamo i grandi piani diricostruzione: Porto S.Stefano, Talamone, Orbetello edAncona. Nello stesso periodo, negli anni ’50, Minnucci èimpegnato in numerosi interventi nel campo dell’ediliziaeconomica e popolare ed anche nella progettazione erealizzazione di grandi infrastrutture come le Centraliidroelettriche, distribuite su tutto il territorio nazionale.Ricordiamo, infine negli anni ‘60, due grandi realizzazioni aRoma: il Ministero della Marina Mercantile all’Eur nel 1958-67 ed il Policlinico Gemelli dell’Università Cattolica nel 1961.

Consistenza

172 buste e cartelle contenenti 1363 unità archivistiche didocumentazione riguardante l’attività professionale e didattica,all’interno un numero consistente di fotografie; 600 contenitori didisegni relativi a 92 progetti (1924-1976)

Riferimenti Bibliografici

AA.VV., Gaetano Minnucci. Progetti 1896-1980, Roma 1984M.I. ZACHEO, Gaetano Minnucci (1896-1980), Roma 1984Archivi di Famiglie e di persone. Materiali per una guida, vol. I, Roma1991, p. 193 (pubblicazione degli Archivi di Stato, Strumenti CXII)ANIAI, 1965, schede A11, C9; DAU, 1968, IV, p. 58; IPPOLITO, 1982, pp.99, 147; ROSSI, 1984, pp. 27, 33, 35, 40, 43, 69, 72, 77, 103, 161; DEGUTTRY, 1989, pp. 132-133; POLANO, 1991, p. 590; SGARBI, 1991, pp.168-169; STRAPPA, 1996, pp. 164, 192, 203, 213, 218.