Giovan Battista Giovenale

Dichiarazione
20 giugno 2005
Soggetto conservatore
l’archivio è conservato presso gli eredi a Roma ed è consultabile tramite la S. A. Lazio
Stato di ordinamento
riordinamento in corso
Stato di conservazione
buono

Descrizione

Giovan Battista Giovenale (Roma 1849-1934), architetto estorico dell’architettura; è stato protagonista dellatrasformazione architettonica di Roma capitale, fondatoredell’Associazione Artistica fra Cultori di Architettura, membrodelle Accademie Romane di Archeologia e dei Virtuosi alPantheon, presidente dell’accademia di San Luca e dellaSocietà degli Ingegneri e Architetti Italiani, consiglierecomunale, più volte assessore all’edilità e ai servizi tecnologicie membro dal 1923 al 1925 del Consiglio Superiore delleAntichità e Belle Arti. Autore, tra l’altro, de L’Inventario deiMonumenti di Roma, ha curato l’organizzazione di campagnedi scavo del Foro di Augusto (1926-’30) e della Porta Asinaria(1930). Tra le sue opere principali vi sono: il restauro delPalazzo Wedekind (1879) attuale sede del Tempo a PiazzaColonna – Roma, il restauro di Palazzo Theodoli in via delCorso a Roma (1884) Casamenti Plencacci – Pericoli (1886-’90, attuale Hotels Tritone), Spithower, (1886) e Tombari(1888), i villini Folchi (1887) e Boncompagni (1932 ) nella zonadi Villa Ludovisi a Roma, i restauri delle chiese di s. Maria inCosmedin (1896-’99) e S. Cecilia in Trastevere (1892-1901),S. Maria del Popolo (1897-98) e di S. Maria dei Monti (1904);la Cattedrale Madre di Dio di Porto Alegre in Brasile (1921-26).

Consistenza

420 disegni ca., appunti e fotografie n. q. relativi a oltre 20progetti tra cui restauro S. Cecilia e S. Maria Cosmedin,cattedrale di Albano, Villino Folchi, Casa Martino V aGennazzano, cattedrale di Porto Alegre (1880-1930 ca.)

Riferimenti Bibliografici

Il Villino Folchi, a cura di R. DI PAOLA, Roma 2003DAU, 1968, II, p. 483; GUTTRY, 1989, pp. 15, 127; SGARBI 1991, pp. 125-126.