Giuliana Genta

Dichiarazione
22 settembre 2004
Soggetto conservatore
Archivio Centrale dello Stato (dono 2004)
Stato di ordinamento
riordinato (inventario analitico di L. Diodovich dell’Archivio Centrale dello Stato, P. Capolino ed E. Tagliacollo dell’Osservatorio sul moderno a Roma Dipartimento di Architettura eanalisi della città,Università degli Studi “La Sapienza” 2007)
Stato di conservazione
buono

Descrizione

Giuliana Genta (Roma 1922 – Roma 2005). Si laurea allaFacoltà di Architettura a Valle Giulia nel 1946.Dal 1950 lavora all’Istituto Ina Casa, dove conoscel’architetto Adalberto Libera, con il quale lavora per laprogettazione di “alloggi prototipo” per l’ufficio progettidell’INA Casa. La sua collaborazione con l’architetto Liberaproseguirà sino alla morte di quest’ultimo (1962).Svolge la sua attività lavorativa all’INA Casa, poi Gescal,sino al 1973, dalla quale si dimette per poter svolgere lalibera professione. Sono due le fasi della sua vita lavorativa:nella prima infatti si occupa soprattutto di progetti nel campodell’edilizia residenziale, di servizi e Piani Regolatori; nellaseconda fase di ristrutturazioni, arredamenti interni e dialcune cappelle funerarie.L’architetto Giuliana Genta, fino al 1955, svolge la maggiorparte dell’attività lavorativa insieme all’architetto SilvanoPanzarasa, suo collega all’INA Casa.

Consistenza

97 rotoli di disegni relativi a 90 progetti; 21 cartelle contenentidocumentazione correlata ai progetti, relazioni tecniche, computimetrici, corrispondenza con i committenti, fotografie dei lavori,lastre fotografiche. L’archivio è composto da due serie: una didisegni architettonici e urbanistici, l’altra di materiale cartaceocomprendente relazioni tecniche, epistole con i committenti, variscritti e copie degli elaborati, foto dei lavori svolti, lastrefotografiche

Riferimenti Bibliografici

Intervista di Patrizia Capolino a Giuliana Genta, in Il moderno attraversoRoma. Guida alle architetture romane di Adalberto Libera, a cura diG. REMIDDI – A. GRECO, Roma 2003, pp. 89-90P. CAPOLINO – E. TAGLACOLLO, Giuliana Genta: imparare con Libera, in“Controspazio”, n. 116, 2005Una lezione di progettazione di Giuliana Genta, in “AR”, anno XL, n. 62,2005, pp. 44-45Prossima pubblicazione: “Giuliana Genta. La mia vita di architetto”,Patrizia Capolino, Emma Tagliacollo con Leda Diodovich, Ed.Prospettive, Roma, pp. 136IPPOLITO, 1982, pp. 43, 58.