Mario De Renzi

Dichiarazione
30 settembre 1995
Soggetto conservatore
Accademia Nazionale di San Luca, Roma (dono)
Stato di ordinamento
riordinato (inventario a stampa a cura di M. L. Neri (1992); l’inventario descrive complessivamente 130 progetti dal 1921 al 1962, la maggior parte dei quali attestati nel fondo presso l’Accademia di San Luca; solo per alcuni si rinvia a fonti documentarie dell’Archivio Capitolino o a fonti bibliografiche)
Stato di conservazione
medio

Descrizione

Mario De Renzi (Roma 1897 – Roma 1967) architetto.Professore universitario di composizione architettonica eaccademico di San Luca.Nel 1920 si diploma presso l’Accademia di Belle Arti a Romaed entra prima nello studio di A. Calza Bini, in seguito inquello di Vittorio Ballio. Assistente presso la scuola superioredi Architettura di Roma, tra il 1925 ed il 1930 partecipa, incollaborazione, a numerosi concorsi vincendo in varieoccasioni il primo premio e ottenendo l’incarico per larealizzazione delle opere progettate. Nel 1927, ottenutal’abilitazione all’esercizio professionale e iscrittosi all’albodegli Architetti del Lazio, inizia la libera attività professionale,collaborando con Adalberto Libera. Dal 1929 al 1943 èprofessore incaricato presso la Scuola Superiore diArchitettura di Napoli. Nel 1944 è chiamato presso la Facoltàdi Architettura di Roma dove rimane fino alla sua scomparsa.Nominato nel 1946 Accademico dell’Accademia Nazionale diSan Luca, dal 1952 al 1954 è Presidente dell’Ordine degliArchitetti di Roma e del Lazio e dal 1953 al 1955 dellaCommissione dell’Edilizia del Comune di Roma. Tra i progettie le opere realizzate a Roma si ricordano: le Case per idipendenti del Governatorato in piazza Mazzini (1925-28, incoll.), le case economiche in via A. Doria (1927-31), il villinoCapellini in via Mecenate (1928-30), le case modello nellaborgata giardino alla Garbatella (1929), l’Ufficio Postale in via Marmorata (1933-35, in coll.), il Palazzo dell’ArchivioCentrale dello Stato (1938-39, in coll.), la PalazzinaFurmanik al lungotevere Flaminio (1938-40), il quartiereValco San Paolo (1949-52) e il quartiere INA Casa alTuscolano 2 (1952-55, in coll.).

Consistenza

500 disegni ca.; 18 scatole di fotografie relativi a 130 progetti(1921-1962)

Riferimenti Bibliografici

T. CARUNCHIO, De Renzi, Roma 1981M. L. NERI, Mario De Renzi. L’architettura come mestiere 1897-1967,Roma 1992G. CIUCCI, Mario De Renzi, in “Dizionario Biografico degli Italiani”, vol. 39(1991), pp. 109-112A. CARLOMAGNO – G. SAPONARO, Mario De Renzi 1897-1967, Roma 1999ANIAI, 1965, schede C16, I4, L1, M1; DAU, 1968, II, p. 160; ROSSI, 1984,pp. 48-50, 83, 113, 119-120, 126, 168-169, 178-179; DE GUTTRY,1989, pp. 124-125; POLANO, 1991, p. 579; SGARBI, 1991, p. 95;STRAPPA, 1996, pp. 152, 153, 160, 170, 175, 198, 207, 213, 215.