Giorgio Calza Bini

Dichiarazione
24 marzo 2004
Soggetto conservatore
l’archivio è conservato presso gli eredi a Roma ed è consultabile tramite la S. A. Lazio
Stato di ordinamento
riordinamento in corso (inventariazione a cura di F. Antonicoli e F. Crispini, coord. S. A. Lazio)
Stato di conservazione
buono

Descrizione

Giorgio Calza Bini (Livorno 1908 – Roma 2000), laureatosinel 1933 presso la Scuola di Architettura di Roma, già dal1934 inizia l’attività didattica, ottenendo nel 1941 la liberadocenza in urbanistica alla Università “la Sapienza” di Romae, nel 1952, diventa professore incaricato per la cattedra di“Tecnica urbanistica” sempre a Roma. Membro di numerosecommissioni edilizie e urbanistiche, tra cui il Consigliodell’INU e la Commissione INU per le osservazioni al PianoRegolatore di Roma, direttore dei servizi Architettura eUrbanistica dell’Ente EUR dal 1951 al 1955, consulente dellaPontificia Commissione per l’Arte Sacra (1960), membroesperto del Comitato Tecnico Amministrativo delProvveditorato OO.PP. di Roma e del Lazio, direttore deiServizi Architettura e Urbanistica dell’ente EUR, decanodell’Ordine degli Architetti di Roma. Ha svolto un’intensaattività professionale dagli anni ’30, sia nel settorearchitettonico sia in quello urbanistico, curando numerosiprogetti. Dal 1947 al 1952 lavora come collaboratoreassociato presso lo studio dell’arch. Marcello Piacentini. Trale opere si menzionano: le stazioni dell’autostrada Genova-Serravalle Scrivia (1934-’36), il Piano regolatore e palazzodegli uffici di Guidonia (1935), piani regolatori di Taranto(1937), di Bari (1950) con A. Calza Bini e M. Piacentini),cinema teatro Metropolitan Catania (1955), di Lecce (1959),di Calvi PG (1970), edifici per abitazioni e negozi in viale Europa, viale America e viale Beethoven all’EUR – Roma(1955-1961), scuola elementare ad Abbadia San Salvatore(1962), le chiese di S.Giuseppe (1959) e S. Alfonso a Foggia(1964), la chiesa di S. Domenico e l’Opera salesiana aLecce (1965-’66).

Consistenza

180 rotoli ca. contenenti oltre 1000 disegni relativi ad oltre 60progetti; 20 cartelle ca. contenenti relazioni tecniche,documentazione allegata ai progetti e corrispondenza, 2scatoloni contenenti disegni, dattiloscritti e materiale a stampa;12 album di fotografie, 2 pannelli con fotografie, ca. 10contenitori di fotografie e fotografie sfuse (1930-1980 ca.)

Riferimenti Bibliografici

Giorgio Calza Bini Decano 1992, Roma 1992