Andrea Busiri Vici

Dichiarazione
30 luglio 1975
Soggetto conservatore
l’archivio è conservato presso gli eredi a Roma ed è consultabile tramite la S. A. Lazio
Stato di ordinamento
riordinato (inventario e banca dati in rete a cura di R. Mirante e R. Mosciatti, coord. S. A. Lazio 2002)
Stato di conservazione
medio

Descrizione

Andrea Busiri Vici (Roma 1818 – Roma 1911) ingegnere,architetto, architetto-restauratore e urbanista. Primo Architettodella fabbrica di San Pietro, membro di Commissioni eAccademie italiane e straniere, accademico di merito di SanLuca dal 1859, poi professore di architettura e presidente dellamedesima nel biennio 1886-1887. Laureatosi in ingegneria earchitettura nel 1849, per oltre un quarantennio fu architettodella famiglia Doria per la quale realizzò diverse opere tra cuia Roma: nel palazzo Doria Pamphili al Corso la cavallerizza,coperta con una struttura metallica (1847-48)poi sostituita conla sede della Banca Generale nel 1882-83, l’ampliamento e lafacciata su piazza Grazioli (1877) e diverse opere all’interno;in Villa Doria Pamphili il nuovo ingresso, l’Arco trionfale. lacappella votiva per i caduti francesi; a palazzo Doria a piazzaNavona la sopraelevazione e la sala musicale Pier Luigi daPalestrina, interventi nella chiesa di S. Agnese in Agone.Come primo architetto della fabbrica di San Pietro, sotto ipontificati di Pio IX e Leone XIII, eseguì importanti opere tracui: la istemazione urbanistica di piazza Mastai aTrastevere(1863-65), il palazzo della Dataria Apostolica, sullasalita del Quirinale (1860-1861), il Collegio americano delNord in via dell’Umiltà, e quello del Sud in piazza dellaMinerva (1866-1870); restauri, nuova canonica e cappellavotiva annessi alla basilica di S. Agnese in via Nomentana(1855-56), il complesso del Bambin Gesù in via Urbana (1885.93), le chiese di S. Giuseppe Calasanzio in via Cavallini(1888) e di S. Vincenzo di Paola in via S. Maria in Cosmedin(1891-1893) Come architetto della Sacra Congregazione diPropaganda Fide realizzò la trasformazione del palazzo inpiazza Mignanelli e la cappella sepolcrale al Verano. Curòinoltre molte opere e restauri in diverse chiese tra cui SanLorenzo in Lucina (1857), Santa Maria in Trastevere. Diparticolare importanza il progetto che prevedeva il trasportodell’antica abside della basilica di S. Giovanni in Laterano conparticolari sistemi meccanici. All’estero realizzò il progetto perla Chiesa di S. Giovanna della Croce a Dublino in Irlanda.

Consistenza

730 elaborati grafici; 2 fascicoli; 178 fotografie, 26 stampe(1840-1911). Si articola in 3 serie; “elaborati grafici”: disegni 730,fotografie 68, stampe 8 relativi a 143 progetti (1840-1904);“varia”: fascc. 2, 1877-1894; “fotografie”: fotografie 110 e stampe18 relative a 24 progetti (1844-1911)

Riferimenti Bibliografici

S. BUSIRI VICI, L’architettura di Saverio Busiri Vici e cenni su alcuni altriarchitetti della sua famiglia. 1651-1974, Roma 1974Archivi di famiglie e di persone. Materiali per una guida, vol. I, Roma1991, p. 170 (Pubblicazione degli Archivi di Stato, Strumenti CXII)A. FLORIDI, Andrea Busiri Vici: interventi architettonici e decorativi nelPalazzo Doria-Pamphilj 1860-1880, Relatore prof. G. Muratore, ed. acura dell’autore, Roma 1997