Cesare Valle

Dichiarazione
21 gennaio 1999
Soggetto conservatore
l’archivio è conservato presso lo studio professionale a Roma ed è consultabile tramite la S. A. Lazio
Stato di ordinamento
riordinato (inventario e banca dati in rete con immagini a cura A. Barbafieri, coord. S. A. Lazio 2002)
Stato di conservazione
buono

Descrizione

Cesare Valle (Roma 1902 – Roma 2000) ingegnere, architettoe urbanista, docente universitario, decano dell’Ordine degliArchitetti di Roma. Dal 1925 al 1936 è addetto, comeprofessionista esterno permanente, al Servizio TecnicoArchitettura ed Urbanistica del Governatorato di Roma, curandovari progetti tra cui la sistemazione dei Fori Imperiali, delSepolcro degli Scipioni, della via Appia Antica, la creazione divia dell’Impero nonché alcune importanti realizzazioni di edificiscolastici. Collabora con il Gruppo degli Urbanisti Romani, di cuipromuove la fondazione stessa, partecipando, tra il 1927 ed il1936 ad un gran numero di concorsi per la elaborazione di pianiregolatori di città italiane: Brescia, Padova, Foggia, Cagliari,Arezzo, Pisa, Spezia, Roma, Avellino etc. Redige il Pianoregolatore di Addis Abeba, in collaborazione con Ignazio Guidi(1936), cui seguono numerose altre opere progettate per iterritori coloniali (Ospedali di Tunisi e di Addis Abeba, la Casadel bambino a La Marsa, il Convitto femminile, il Preventorio ela Scuola di lavoro a Tirana). Realizza edifici per varie struttureorganizzative, associative ed assistenziali: case della GioventùItaliana del Littorio e dell’Opera Nazionale Balilla, i palazzi deisindacati, dell’Istituto Nazionale Fascista Previdenza Sociale, lanuova sede centrale dell’Opera Nazionale Maternità Infanzia aRoma. Nel 1938 consegue la Libera Docenza in “Urbanistica” ein “Architettura tecnica”, materie che insegnerà a Napoli, Pisa ea Roma; nel 1942 assume la Direzione del Servizio Urbanisticopresso il Ministero Lavori Pubblici sino a divenire PresidenteGenerale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici. Curanumerose pubblicazioni in tema di edilizia ed urbanistica. Tra lesue opere si ricordano gli edifici per l’Opera Nazionale Balilla aForlì ed a Predappio, Forlì (1932-33); a Roma: la “Casa Viola”(1932), la “Casa Cooperativa Ala” (1932), il Liceo-ginnasioGiulio Cesare (1937) e il ponte della Magliana (1939-1948). Digrande rilievo gli interventi eseguiti in Sardegna (Cagliari,Nuoro), fra cui spiccano il piano regolatore e le opere per lanuova città di Carbonia, realizzati in collaborazione con IgnazioGuidi.

Consistenza

2946 elaborati grafici; 183 fascicoli; 15 documenti allegati aiprogetti; 4480 fotografie, 97 negativi; 2 faldoni di cartolineillustrate n.q.; 12 audiocassette (1903-1997). Si articola in 5serie; “Elaborati grafici”: disegni 2855 relativi a 154 progetti(1923-1970) di tale serie fanno parte anche 1 fascicolo, 15documenti e 58 fotografie; “Carteggio e allegati ai progetti”:fascicoli 170, contenenti anche 614 fotografie, 72 negativi e 70elaborati grafici in copia (1903-97); “Didattica e studi” fascicoli12 contenenti studi e 10 elaborati grafici e 68 fotografie (1926-1975); “Fotografie”: fotografie 3740, negativi 25, pannelli 11, 2faldoni di cartoline illustrate, relativi 101 progetti (1920-1980);“Audiocassette”: audiocassette 12 contenenti le registrazionidelle interviste fatte all’architetto Cesare Valle dal nipote, CesareValle junior (1992-1993)

Riferimenti Bibliografici

R. BIZZOTTO – L. CHIUMENTI – A. MUNTONI, 50 anni di professione, Ordinedegli architetti di Roma, Roma 1983, pp. 145-148, 177-178A. MUNTONI, Cesare Valle. Decano, Roma 1990Rossi, 1984, pp. 74; DE GUTTRY, 1989, p. 142; SGARBI, 1991, pp. 253-254; STRAPPA, 1996, pp. 189-191.